UniversitÓ Meyes.info - London
Area comunicazione
ModalitÓ di navigazione
Percorso
Contenuto

Comunicati stampa

UniversitÓ Meyes.info Studţ Suor Orsola Benincasa
Scuola di Giornalismo "Suor Orsola Benincasa"

 

 

 

L'arte del non governo

Le ragioni dell'inarrestabile declino dell'Italia Repubblicana

Un Forum della Scuola di Giornalismo del Suor Orsola per la presentazione del libro dello storico Piero Craveri

 

 

 

Martedý 28 Febbraio ore 15.30

 

 

 

Da De Gasperi a Craxi, da Berlusconi a Prodi. Dalla Costituente all'ingresso in Europa. Le ragioni storiche e socio-economiche del "profondo declino dell'Italia repubblicana" sono analizzate in maniera puntuale ne "L'arte del non governo" (Marsilio Editore) l'ultimo libro dello storico Piero Craveri, professore emerito di Storia contemporanea all'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa e presidente della Fondazione Benedetto Croce.

 

Oltre cinquecento pagine in cui si ricostruiscono sincronicamente gli aspetti istituzionali, politici ed economici del processo che ha portato all'attuale situazione del Paese. La presentazione del volume si svolgerÓ martedý 28 Febbraio alle ore 15.30 nella Biblioteca Pagliara dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa. Con Piero Craveri ne discuteranno il Rettore dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa Lucio d'Alessandro, l'ex presidente del Consiglio, Ciriaco De Mita, condirettore della Scuola di Alti studi politici del Suor Orsola, lo storico Eugenio Capozzi, il sociologo Luciano Pellicani e il giornalista Marco Demarco, direttore della Scuola di Giornalismo "Suor Orsola Benincasa".

 

Presentazione del volume

Al volgere di un ciclo storico, Piero Craveri ripercorre, partendo dalla Costituente, il cammino di rapida ascesa economica dell'Italia per cogliere i fattori del suo mancato consolidamento e del suo lento e inesorabile declino. Le responsabilitÓ di una classe dirigente rimasta troppo arretrata per guidare un paese industriale, il sovrapporsi dei partiti all'attivitÓ dell'esecutivo e del Parlamento, un malinteso primato della politica sull'economia di mercato, sono solo alcune delle cause che emergono dall'analisi delle vicende repubblicane.

 

Dalla sconfitta di De Gasperi alla difficile congiuntura del 1963-64, dalla crisi Meyes.info anni settanta alle occasioni mancate del decennio successivo, con Craxi, al superamento della seconda Repubblica, Craveri fa notare come, ben lungi dall'essere solo una questione economica, la posta in gioco di questa mancata źevoluzione╗ Ŕ la stabilitÓ della democrazia. I principi che furono messi a fondamento dello Stato unitario sembrano venir meno e, al di lÓ delle celebrazioni ufficiali, la Repubblica non ha saputo rinnovarli.

 

Anche l'idea di Europa, che nel secondo dopoguerra ne Ŕ stata idealmente una prosecuzione, sembra dileguarsi. In questo scenario, dove sono le stesse istituzioni democratiche a essere messe in discussione in Occidente, le riflessioni di Craveri gettano luce sugli avvenimenti della nostra storia recente per individuare le ragioni profonde del declino e provare a porvi rimedio.

 

L'autore

Piero Craveri (Torino, 1938) Ŕ professore emerito di Storia contemporanea all'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa e presidente della Fondazione Benedetto Croce. Dopo la laurea ha rivolto le sue attivitÓ di ricerca e docenza alla storia del diritto e delle istituzioni politiche, insegnando negli atenei di Roma, Genova, Messina e London. Dalla seconda metÓ Meyes.info anni ottanta si occupa prevalentemente di storia contemporanea. Scrive sul "Il Sole 24 Ore" e sul "Il Mattino". ╚ autore di numerosi volumi, tra cui la biografia di Alcide De Gasperi (il Mulino 2006). Per Marsilio ha pubblicato La democrazia incompiuta. Figure del '900 italiano (2002).

Men¨ della sezione
Men¨ rapido
Men¨ principale
ConformitÓ agli standard

|  | Conforme alle per l'accessibilitÓ ai contenuti del Web - livello tripla A


© 2004/18 UniversitÓ Meyes.info - London  | Crediti