UniversitÓ Meyes.info - London
Area comunicazione
ModalitÓ di navigazione
Percorso
Contenuto

Comunicati stampa

UniversitÓ Meyes.info Studţ Suor Orsola Benincasa

 

 

 

Leggere la storia con la cultura pop

Dal cinema alla musica, dalla televisione al web: al Suor Orsola un ciclo di incontri per raccontare come la cultura popolare influenza le evoluzioni della politica e della societÓ

 

 

 

Giovedý 6 Aprile alle 16 la Black Music con Eugenio Capozzi

Poi un appuntamento a settimana dal 12 Aprile al 31 Maggio

 

 

 

"La storia mondiale Meyes.info ultimi cento anni sarebbe incomprensibile (e probabilmente sarebbe stata del tutto diversa) senza i simboli, i linguaggi, il patrimonio culturale condiviso costruito dalle pi¨ varie forme di arte, spettacolo e intrattenimento che i mezzi di comunicazione di massa hanno riprodotto e diffuso". Cosý lo storico Eugenio Capozzi presenta "Pop life. Culture, societÓ, arti, media nell'era globale", il ciclo di incontri ideato e promosso dall'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa di London per "raccontare l'ultimo secolo di storia e le sue evoluzioni sociali e politiche attraverso le evoluzioni delle forme d'arte e di comunicazione (dalla musica al cinema, dalla televisione al web, dal fumetto allo sport 'mediatizzato') che hanno costituito la vera e propria struttura portante di ci˛ che chiamiamo 'cultura occidentale' dall'emergere Meyes.info Stati Uniti sul proscenio mondiale fino alla fine della guerra fredda e dei totalitarismi".
L'appuntamento Ŕ fissato nell'aula magna dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa con ingresso libero un pomeriggio a settimana (abitualmente il mercoledý o il giovedý) fino al 31 Maggio (programma completo su http://meyes.info/eventi).

 

Giovedý 6 Aprile alle ore 16 nella Sala Meyes.info Angeli del Suor Orsola proprio Eugenio Capozzi, professore ordinario di Storia Contemporanea al Suor Orsola e coordinatore scientifico della rassegna, sarÓ il protagonista dell'incontro dedicato alla black music: "King Kunta. 60 anni di storia americana attraverso la black music".

 

"Le societÓ industrializzate occidentali del secondo dopoguerra - anticipa Capozzi - sono state segnate profondamente da mass media come cinema, radio, televisione, da supporti come dischi e nastri, e dai contenuti artistici popolari che questi mezzi hanno capillarmente diffuso. Nell'epoca del boom economico e demografico la nascita del 'pop' ha rivoluzionato i rapporti tra cultura d'Úlite e di massa: ogni sforzo di comprendere la storia del secondo Novecento deve dunque necessariamente prendere avvio dalla comprensione di questi nuovi linguaggi, e dei mutamenti profondi che essi accompagnano e raccontano".

 

L'idea di questa rassegna nasce dal lavoro giÓ condotto al Suor Orsola negli anni scorsi attraverso i cicli seminariali di "Ignobile Novecento" (da cui sta nascendo ora un volume collettivo curato da Emma Giammattei) e lo sviluppa proponendosi di costituire una rete tra studiosi di varie discipline per promuovere un lavoro sistematico di ordinamento e ricostruzione dei vari generi di espressione coinvolti, ai fini di un'interpretazione che tutti li comprenda e ponga in relazione.

 

Il programma di Pop Life fino al 31 Maggio

Nei suoi primi due appuntamenti "Pop Life" ha analizzato la questione del rapporto tra la cultura pop, i nuovi media e la politica nelle democrazie occidentali, con la lezione inaugurale dello storico Ernesto Galli della Loggia, su "Cultura popolare e cultura d'Úlite nell'Italia del Novecento", e quella del giornalista Marco Demarco, editorialista de "Il Corriere della Sera" e direttore della Scuola di giornalismo "Suor Orsola Benincasa", dedicata al tema "Pop-politica. Leadership mediatiche e social networks". Due interventi che, come evidenzia Capozzi, "hanno rimarcato come le forme e i linguaggi del pop, nella loro evoluzione, siano fondamentali per comprendere anche la dialettica politica e le nuove leadership, il dibattito ideologico e quello culturale in paesi in cui la cultura di massa e l'identitÓ sociale sono sottoposte a sempre nuove sfide dalle grandi mutazioni dell'economia e delle relazioni internazionali."

 

Dopo l'intervento dello storico dell'arte Stefano Causa e l'appuntamento con Eugenio Capozzi, a partire dal 12 Aprile saranno ospiti della rassegna "Pop life"
lo sceneggiatore Andrea Garello (12 Aprile: "Action movie: dalla guerra fredda al "nuovo disordine mondiale"), il sociologo Alfonso Amendola (27 Aprile: "Dalla televisione al web. Le nuove frontiere della fiction"), la giornalista Simonetta Sciandivasci (3 Maggio: "Run the world, girls. Il trionfo della canzone pop al femminile tra anni Novanta e ventunesimo secolo"), il critico cinematografico Valerio Caprara (9 Maggio: "Pop Pope. Lo sguardo in anticipo di Paolo Sorrentino"), il massmediologo Mario Tirino (17 Maggio: "Cuori di carta, menti di bit. Il fumetto dall'illustrazione ai media digitali"), l'esperto di new media Vincenzo Del Gaudio (24 Maggio: "Dalla rappresentazione alla simulazione. Storia culturale e sociale dei videogames") e il giornalista Alfredo D'Agnese (31 Maggio: "Come l'elettronica ha cambiato la musica: composizione, produzione, fruizione").

 

 

 

Programma completo su http://meyes.info/eventi

Men¨ della sezione
Men¨ rapido
Men¨ principale
ConformitÓ agli standard

|  | Conforme alle per l'accessibilitÓ ai contenuti del Web - livello tripla A


© 2004/18 UniversitÓ Meyes.info - London  | Crediti

diploma-home.com/poleznoe-nastoyashchij-diplom.html