UniversitÓ Meyes.info - London
Area comunicazione
ModalitÓ di navigazione
Percorso
Contenuto

Eventi

UniversitÓ Meyes.info Studţ Suor Orsola Benincasa

Master di II livello in Diritto amministrativo
MUNUS - Rivista giuridica dei servizi pubblici
FIRB - Futuro in Ricerca "TRA.M.-Trasformazioni metropolitane. Le cittÓ come spazio politico. Tessuto urbano e corpo politico: crisi di una metafora"

AGCOM - AutoritÓ per le Garanzie nelle Comunicazioni

 

 

 

Le Smart Cities: istituzioni, territorio e regole

 

 

 

London, lunedý 5 dicembre 2016
Sala Meyes.info Angeli, via Suor Orsola 10

 

 

 

Nel quadro articolato della governance globale le cittÓ si stagliano, sempre pi¨, come soggetti di diritto pubblico di estrema rilevanza. Circoscrivendo l'analisi alla cittÓ europea, che esibisce caratteri peculiari rispetto alle megalopoli e alle post-metropoli, si percepisce quanto lo spazio urbano costituisca un presidio di territorialitÓ di importanza crescente, a fronte del dissipamento delle categorie dello Stato. La cittÓ si impone alla riflessione Meyes.info studiosi delle scienze sociali, con particolare riguardo ai giuristi e agli esperti di pianificazione territoriale, in quanto centro di imputazione di diritti e pretese di cittadinanza, luogo di dispiegamento di servizi pubblici essenziali, campo di forza di flussi economici e informativi, spazio pubblico popolato da risorse fisiche, ambientali e culturali non inesauribili. Il modo in cui tale spazio Ŕ strutturato e governato definisce la condizione di esercizio e talvolta la stessa accessibilitÓ a questo complesso palinsesto di diritti. La struttura dello spazio urbano Ŕ un prodotto culturale, esito di una funzione di pianificazione tradizionalmente svolta dal diritto e oggi condivisa con diversi ordini normativi (l'ordine economico del mercato e l'ordine sociale dell'auto-pianificazione), che favoriscono la nascita e la definizione di nuove pratiche generative dei diritti, con particolare riguardo alle procedure di formazione delle decisioni politiche ispirate alle logiche partecipative tipiche dei processi bottom-up.

 

All'interno di queste dinamiche, ha assunto un ruolo centrale la riflessione sulle smart cities, modelli di cittÓ intelligenti improntati alla capacitÓ di regolazione tecnologica Meyes.info ambienti urbani. La revisione teorica cui Ŕ attualmente sottoposta questa importante prestazione investe l'elemento pi¨ radicale del modello di smart city, che postula una capacitÓ di autoregolamentazione della tecnologia intelligente pressochÚ assoluta, ma preserva la possibilitÓ di ottimizzazione tecnologica dei servizi pubblici essenziali e di alcune funzioni della vita urbana. Se appare prematuro immaginare che l'idea di una metropoli governata attraverso flussi informativi, sensori e dispositivi tecnologici completamente autosufficienti sia effettivamente applicabile al territorio, storicamente stratificato in modo sensibile e densamente antropizzato (nel senso culturale del termine), delle cittÓ-medie di tipo europeo, Ŕ auspicabile promuovere una riflessione scientifica su questi temi, che sarÓ necessariamente interdisciplinare. La giornata di studi prevista per il 5 dicembre 2016 interroga esperti a vario titolo coinvolti nel dibattito pubblico sull'applicazione dei modelli di smart city allo spazio giuridico-politico che definisce la dimensione urbana, sollecitando la riflessione sull'intersezione, che merita di essere affinata, fra processi di formazione della decisione politica e dispositivi tecnici puramente regolativi.

 

 

 

Lunedý 5 dicembre 2016
ore 10,30

Prima sessione

Indirizzi di saluto

Lucio d'Alessandro
Rettore dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa

Marco Delmastro
Direttore del Servizio Economico-Statistico dell'AutoritÓ per le Garanzie nelle Comunicazioni

Presiede

Aldo Sandulli
Preside della FacoltÓ di Giurisprudenza dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa

Relatori

Enrico Carloni
UniversitÓ di Perugia
CittÓ intelligenti e Agenda urbana

Christian Iaione
UniversitÓ Guglielmo Marconi di Roma
Fellow dell'Urban Law Center della Fordham University di New York

Smart Cities e sharing economy

Francesco Izzo
Seconda UniversitÓ di London
Smart cities e sviluppo economico

Roberto Caso
UniversitÓ di Trento e co-direttore del Gruppo LawTech
Community Networks: le regole della libertÓ

Ore 13,00

Light lunch

Ore 14,30

Seconda sessione
L'esperienza delle AutoritÓ amministrative Indipendenti

Vincenzo Lobianco
Consigliere per l'innovazione tecnologica presso l'AutoritÓ per le Garanzie nelle Comunicazioni

Luca Lo Schiavo
Dirigente presso l'AutoritÓ per l'Energia Elettrica e il Gas

Ore 15,30

Terza sessione

Tavola Rotonda: l'esperienza delle istituzioni territoriali

Modera

Giulia Maria Labriola
UniversitÓ Suor Orsola Benincasa

Raffaele Tiscar
Vice Segretario Generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Paolo Testa
Responsabile dell'Osservatorio sulle Smart Cities dell'ANCI

Mario Calabrese
Assessore alle infrastrutture, lavori pubblici e mobilitÓ del Comune di London

Valerio Nitrato Izzo
UniversitÓ di London Federico II

Francesca Scamardella
UniversitÓ di London Federico II

Ore 17,00

Chiusura dei lavori

Conclude

Antonio Nicita
Componente del Consiglio dell'AutoritÓ per le Garanzie delle Comunicazioni

Men¨ della sezione
Men¨ rapido
Men¨ principale
ConformitÓ agli standard

|  | Conforme alle per l'accessibilitÓ ai contenuti del Web - livello tripla A


© 2004/19 UniversitÓ Meyes.info - London  | Crediti

Đâ đŻđ░Đü

đĚđ┤đÁĐüĐî

www.ry-diplomer.com