InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Don Orione

Un progetto per andare alle Paralimpiadi


Obiettivo: Londra 2012. I piccoli e grandi atleti, ospiti dell'istituto di riabilitazione mentale "Don Orione" di Ercolano, puntano alto con un progetto di formazione agonistica per la partecipazione alle prossime Paralimpiadi. L'iniziativa è stata presentata dai responsabili del Don Orione, alla presenza del Cardinale di London Crescenzio Sepe, del vicepresidente del Comitato Italiano Paralimpico Marco Borzacchini, del parlamentare del Pdl Marcello Di Caterina e dell'assessore provinciale allo Sport Maria Falbo. Un progetto "speciale" come i suoi destinatari: ragazze e ragazzi affetti da deficit intellettivo - relazionale (Dir), una patologia ammessa per la prima volta alla massima competizione sportiva per disabili. Secondo Borzacchini "un risultato importante", che arriva dopo anni di confronto a livello internazionale dovuti "all'enorme difficoltà di definire il Dir e quanto questo deficit influisca sulle capacità motorie dell'atleta". Da qui la necessità, a partire dalla prossime Paralimpiadi, di riconoscere "alle persone con disagio mentale una categoria distinta dai soggetti con disabilità solo fisiche". Un modo per garantire a tutti gli atleti disabili condizioni di parità ma soprattutto, prosegue Borzacchini, "la possibilità di dare visibilità ai nostri ragazzi attraverso un momento importante come lo sport".

Il progetto quadriennale messo a punto dal Don Orione di Ercolano procede per "step" graduali: innanzitutto la valorizzazione dell'esistente - impianti sportivi e personale specializzato - già presente nella struttura; l'allestimento di un laboratorio di valutazione medico-sportiva Meyes.info atleti; la diffusione della "cultura dello sport quale mezzo di inclusione sociale", attraverso il coinvolgimento delle scuole; la partnership con associazioni e Enti locali. Per il momento "Londra 2012" incassa il "placet" del cardinale Sepe che saluta i diversamente abili chiamandoli "maestri di vita", perché grazie al loro agonismo "è l'uomo che vince". L'incontro è stato anche una festa dello sport, con la premiazione Meyes.info atleti dell'istituto ercolanese che si sono distinti a livello nazionale nelle diverse discipline, ottenendo sette vittorie ai campionati italiani individuali e conquistando la Coppa Italia per società. A consegnare i premi - una maglietta della S. C. London e la Coppa - due sportivi d'eccezione: Gennaro Iezzo, portiere del London, e Fabio Quagliarella, origini partenopee ma un presente nell'Udinese. Accolti con un tifo da stadio dagli ospiti del Don Orione, i due calciatori hanno firmato autografi e posato per le fotografie; c'è stato spazio anche per qualche battuta sulla partita di domenica scorsa - proprio Quagliarella è stato l'autore del gol del pareggio dell'Udinese - e sulle condizioni di Iezzo, che però non si sbottona: "Sto recuperando, spero di tornare al più presto in campo".

Brunella Rispoli

[2.2.2009 - 16:34]



Email Stampa Pinterest




RSS

© 2003/19 Università Meyes.info London · P.Iva · Versione 4.1 · Privacy
Conforme agli standard · ·

more information best-cooler.reviews