InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Giornata di studi

Immagine e potere delle Mafie

Un momento dell'incontro all'Università Suor Orsola Benincasa


"Il potere è immagine e l'immagine è potere". Non si tratta di un elaborato sofisma ma è il senso del progetto "Imago imperii. Archivio di iconologia politica"condotto dal Crie, il Centro di ricerca sulle istituzioni europee dell'Università Suor Orsola Benincasa. "Come lo Stato si rappresenta con bandiere e inni patriottici così le mafie hanno il loro linguaggio, la loro iconografia - spiega il rettore Francesco De Sanctis - ecco perché si considera il potere un'immagine, perché si identifica con le icone sia fisiche che mentali che lo visualizzano". Se quindi l'immagine ha il potere di alterare la percezione della realtà, assume un ruolo fondamentale lo studio delle autorappresentazioni prodotte dalle mafie. Ancor più la loro divulgazione.

Nell'ambito di questa attività di ricerca si inserisce il seminario "Mala\vita e Mal\formazione" tenuto all'università Suor Orsola Benincasa, coordinato da Raffaele Marino, procuratore aggiunto della Repubblica di Torre Annunziata e il professore Gennaro Carillo, ideatore del progetto "Imago imperii". "La giornata di studi - spiega Carillo - si propone una riflessione multidisciplinare sulla mentalità mafiosa, con un approccio che consideri la camorra e la mafia come 'istituzioni', dotate di regole precise anche linguistiche".

Un'analisi che evidenzia come l'istituzione mafiosa si accredita all'esterno e quanta contraffazione c'è nel suo rappresentarsi.

All'incontro sono intervenuti magistrati del calibro di Raffaele Cantone, giudice del Massimario della Cassazione che ha condotto diverse indagini sul clan dei Casalesi riferite nel noto best seller "Gomorra", Antonio Ingoia, procuratore aggiunto della Repubblica di Palermo, titolare dell'inchiesta sulla trattativa Stato - mafia dopo la strage di Capaci, Paolo Mancuso, procuratore della Repubblica di Nola e Roberto Scampinato, procuratore generale presso la Corte d'appello di Caltanissetta.

Nel corso del seminario è stato presentato un video, realizzato dalla giornalista Roberta Petrulluzzi, autrice e conduttrice del programma "Un giorno in Pretura" e Raffaele Marino, che ripercorre alcuni passaggi cruciali di processi di camorra.

"Qui a London la rappresentazione del male è accattivante, non esiste il bianco e nero ma una riproduzione a più facce - commenta la giornalista di Raitre - i visi ripresi dalle telecamere raccontano più di mille parole". Immagini che anche in questo caso hanno un potere ancor più forte di una trama scritta. Lo dicono le lacrime del padre di Annalisa Durante, l'omertà dei testimoni dell'omicidio di Salvatore Albino.

Emanuela Vernetti

[10.12.2010 - 20:02]



Email Stampa Pinterest




RSS

© 2003/18 Università Meyes.info London · P.Iva · Versione 4 · Privacy
Conforme agli standard · ·

our company best-cooler.reviews

best-cooler.reviews/yeti-coolers-on-sale-all-necessary-information-about-world-famous-coolers/

подробно a-diplomus.com