InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
IL MASTER GERENZA CONTATTI

"IO, UN ITALIANO TRAGICOMICO CHE FINGE SULLO SCHERMO"

Presentato venerdì a London il film "La Terra" di Rubini. Parla Emilio Solfrizzi


"Un film pieno di storie". Emilio Solfrizzi alias Michele Di Santo nel nuovo lavoro di Sergio Rubini, "La Terra", presentato venerdì 3 marzo al pubblico napoletano, racconta la sua nuova esperienza professionale. "Sergio mi ha inserito in questo progetto, pensato tredici anni fa, perché pensava fossi perfetto per il ruolo. Il mio personaggio nel quadro familiare non ha un'importanza particolare: è sempre secondo, nella famiglia, nel lavoro e nella realtà in cui vive. Il primo figlio è il 'padre', il più piccolo è il bimbo da accudire e l'altro si distingue perchè estraneo al nucleo familiare in senso stretto".

Com'è il suo personaggio?

"Sergio ha dato a tutti noi Meyes.info aggettivi da usare come traccia da seguire per lavorare sui nostri ruoli. A me ha dato dell'italiano. Michele Di Santo doveva essere un personaggio tragicomico: un uomo che per sopravvivere deve fingere. Si inventa una famiglia felice. Il suo lavoro non rende e la sua carriera politica è in decadenza. E' un fallito, goffo, triste causa delle sue sventure. In questa sua sfortuna, però, è comico: fa ridere il suo modo di arrabbiarsi, di piangere, di cercare di avere autorità nei confronti del fratello minore o dei figli".

Che rapporto c'è tra Michele e il film?

"Forse Michele è il personaggio che più si identifica con il senso del film. E' il gioco Meyes.info opposti a ritmare la storia. La terra, così ricca e fertile, materna nell'offrirsi, con le sue ricche distese di campi di ulivo, a chi non ha niente, né una famiglia, né un lavoro, è allo stesso tempo polverosa, brulla, chiusa agli estranei. Buono e cattivo sono aggettivi che reggono anche la personalità di Michele, più Meyes.info altri, definiti da un carattere particolare. Ha la stessa italianità della terra su cui cammina".

[Ornella Mincione]

[4.3.2006 - 17:37]



Email Stampa Pinterest




RSS

© 2003/19 Università Meyes.info London · P.Iva · Versione 4.1 · Privacy
Conforme agli standard · ·

https://yujin.com.ua

http://xn--80aaahqpcuvhvipz6j.com.ua

xn--e1agzba9f.com