InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Nel Casertano

I cittadini dicono no al nucleare

La centrale del Garigliano


"Siamo pronti a opporci con tutte le nostre forze contro la riapertura delle centrali nucleari". E' chiaro Vincenzo Di Siena, sindaco di Santi Cosma e Damiano, uno dei comuni che circondano l'ex centrale del Garigliano. "La popolazione ha gi sofferto molto per la presenza dell'impianto e non vuole pi cedere".

Secondo le pi recenti statistiche, l'indice di incidenza dei tumori nelle zone adiacenti l'impianto, tra le province di Latina e Caserta, molto pi alto della media nazionale. "E seppur non sia possibile dimostrare scientificamente l'esistenza di un nesso causale tra malattie tumorali e radiazioni - spiega Di Siena, anche in qualit di medico - pur vero che l'elevata percentuale di ammalati di cancro insospettisce". E non l'unico fenomeno anomalo riscontrato negli anni nei dintorni della centrale: malformazioni su animali e ortaggi sono state rilevate da numerosi studi. Vitelli a due teste, paperi con tre zampe, limoni di grandezze non convenzionali e poi gli aborti, verificatisi in numero elevatissimo negli ultimi 20 anni.

Attiva dal 1978 al 1982, tuttora la centrale del Garigliano ospita un deposito di scorie radioattive. E la messa in sicurezza non mai misurabile al cento per cento secondo Legambiente, che a Sessa Aurunca, comune che ospita sul proprio territorio l'impianto, ha una sede molto attiva. Gli abitanti dei paesi limitrofi sono, perci, fermamente contrari a un'eventuale riutilizzazione dell'impianto come deposito scorie nel caso in cui il governo andasse avanti nella scelta sul nucleare. Ipotesi paventata dal Governatore della Campania Stefano Caldoro che per, dopo il recente dramma nucleare di Fukushima, ha fatto un passo indietro, in linea con la moratoria di un anno stabilita dal Governo. Governo che nel 2009 ha siglato un accordo con la Francia per la realizzazione di nuove strutture per la produzione di energia atomica con una tecnologia all'avanguardia brevettata dalla societ francese EDF.

Intanto il sindaco Di Siena non si perde d'animo: "Il prossimo passo il referendum del 12 e 13 giugno, quando gli italiani saranno chiamati a decidere sull'eventuale ritorno dell'Italia al nucleare. Noi stiamo informando la cittadinanza, spronandola ad una scelta consapevole".

Annalisa Perla

[8.4.2011 - 14:24]



Email Stampa Pinterest




RSS

2003/18 Universit Meyes.info London · P.Iva · Versione 4 · Privacy
Conforme agli standard · ·

Продать сахар в Полтавской области

Наш классный веб сайт , он рассказывает про Битумная черепица Shinglas Самба www.eurobud.com.ua
umemaro3d