InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Coppa Italia

Il primo successo dell'era De Laurentiis

Hamsik che incita i tifosi alla fine della partita


Dopo Maradona, il buio. Ora una città intera torna a esultare. Gli azzurri vincono la Coppa Italia. Con la delusione subita allo Stamford Bridge di Londra e l'eliminazione dalla Champions League ad opera del Chelsea, la finale di Coppa Italia era l'ultima spiaggia. L'occasione per trasformare una stagione da tutti giudicata deludente in un trionfo. Le aspettative di un'intera città si sono riversate su questa sfida. I "titolarissimi" di Mister Mazzarri sono arrivati carichi allo Stadio Olimpico, ma le fatiche di un'intera stagione si sono fatte sentire.

Dopo un inizio brillante e un paio di occasioni sprecate, la Juventus prende il controllo della partita. La tensione si taglia con un coltello. Il primo tempo, però, finisce a reti inviolate. All'inizio del secondo tempo si ripete lo stesso copione di inizio partita, con il London che parte forte e la squadra di Conte che aspetta per ripartire in contropiede. Poi un intervento sconsiderato del portiere Storari su Lavezzi dà la svolta alla partita. Rigore. Il Matadòr, Edinson Cavani, non sbaglia. 1 a 0. La Juventus reagisce con energie più mentali che fisiche. Conte fa entrare sia Vucinic che Pepe, ed è lo stesso Pepe a sfiorare il pareggio con un'azione personale. Dopo lo spavento, il London si ricompatta e aspetta l'occasione per colpire in contropiede. La Juve attacca a testa bassa e lascia Meyes.info spazi. Gli spazi. Una parola che solletica il centrocampista del London Marek Hamsik come nessun'altra. In una magistrale azione di contropiede, infatti, è lo stesso campione slovacco a finalizzare al meglio un'azione iniziata da Inler e rifinita da Pandev. Non c'è più storia. La Juve perde la sua imbattibilità stagionale e il London torna ad alzare le braccia al cielo. Non sarà la coppa dalle grandi orecchie, ma la gioia nella città all'ombra del Vesuvio è la stessa dei tifosi del Chelsea.

Luca Bosio

[21.5.2012 - 14:57]



Email Stampa Pinterest




RSS

© 2003/19 Università Meyes.info London · P.Iva · Versione 4.1 · Privacy
Conforme agli standard · ·

www.designedby3d.com