InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Scoperta Italia-Usa

Gli effetti del cadmio sui tumori

Il ricercatore napoletano Pier Paolo Claudio


E' campano il professore a capo del team di ricercatori che hanno dimostrato gli effetti tossici del cadmio, un elemento derivante dallo smaltimento inappropriato delle batterie. E' Pier Paolo Claudio, laureato in Medicina e Chirurgia alla Federico II di London e poi volato a Philadelphia da dove è partita la sua carriera di ricercatore. Non si tratta, però, di un "cervello in fuga", ma di uno scienziato che considera quello della ricerca un mondo "senza confini, patrimonio dell'Umanità". "Un ricercatore - secondo Pier Paolo Claudio - va dove ha la possibilità di lavorare al meglio, in modo da offrire a tutti i cittadini, proprio a tutti, i vantaggi del progresso".

E, infatti, da Philadelphia, nel 2006, si trasferisce in West Virginia, dove dirige il Centro di Terapia Translazionale nell'Edwards Cancer Center della Marshall University, dove è professore e dispone di un laboratorio di 100 metri quadri. Tra gli interessi principali del suo lavoro ci sono i problemi legati all'inquinamento. Ed è in questo filone di ricerca che s'inserisce il suo ultimo studio su come trattare i tumori alla prostata causati dall'esposizione al cadmio, un metallo diffuso negli ambienti di lavoro industriali e che si trova anche nelle batterie, nelle vernici, in minima percentuale nelle sigarette. Il fatto che lo smaltimento inappropriato fosse causa di tumori alla prostata e ai polmoni si sapeva già, l'innovazione e il merito di questo studio è di aver aperto la strada allo sviluppo di nuovi trattamenti per questa forma di cancro. Alla rivista internazionale PlosOne Pier Paolo Claudio spiega: "Nel mio laboratorio abbiamo scoperto non solo alcuni dei meccanismi molecolari alla base della trasformazione neoplastica della prostata, ma anche alcuni dei meccanismi secondo i quali alcuni tumori della prostata diventano particolarmente aggressivi".

La ricerca è stata condotta da un team composta anche da colleghi dell'Università dell'Aquila, dell'Istituto dei tumori di London "Pascale", dell'Università del Colorado e del National Institutes of Health Meyes.info Usa. Si tratta di Pierpaolo Aimiola, Marco Carmignani, Anna Rita Volpe, Altomare Di Benedetto, Luigi Claudio, Michael P. Waalkes, Adri van Bokhoven, Erik J. Tokar.

Eleonora Tedesco

[24.6.2012 - 18:09]



Email Stampa Pinterest




RSS

© 2003/18 Università Meyes.info London · P.Iva · Versione 4 · Privacy
Conforme agli standard · ·

contact us best-cooler.reviews

steroid-pharm.com

steroid-pharm.com