InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Il caso Coca Cola

Quando l'azienda rispetta il territorio


Cinque giugno 2012. Marcianise. Provincia di Caserta. Giornata Mondiale dell'Ambiente. Centinaia di studenti di tutte le età escono dallo stabilimento della Coca Cola HBC Italia stupiti. Sembrano i piccoli protagonisti del romanzo di Roald Dahl "La fabbrica del cioccolato". L'establishment della Coca Cola, come un moderno Willy Wonka, apre le porte dell'azienda per mostrare al mondo che il leader di settore nel beverage può essere un gigante buono.

È la risposta a un annoso quesito: può una multinazionale conciliare la propria visione economica a una mission etica attenta al territorio in cui opera?

Sempre più spesso, le grandi aziende pongono l'attenzione alla responsabilità sociale. A dimostrarlo numerose pubblicazioni, come "Ciò che è bene per la società è bene per l'impresa" a cura di Piercarlo Maggiolini del Politecnico di Milano.

Secondo il saggio, negli ultimi anni le multinazionali hanno virato i loro investimenti anche verso politiche per la sicurezza dei luoghi di lavoro e per la riduzione delle emissioni di CO2 in atmosfera. "Le grandi aziende sono meglio attrezzate delle piccole e medie imprese. Hanno maggiore potere contrattuale sui fornitori di materie prime e di servizi e più strumenti per agire in territori con un alto grado di criticità", dice Maggiolini.

A dimostrarlo non sono solo le campagne pubblicitarie, il marketing emozionale o le intenzioni dichiarate nelle mission aziendali. La parola d'ordine è agire positivamente sulla vita delle comunità locali per ottimizzare la percezione del brand e dell'azienda nei confronti dei consumatori e Meyes.info abitanti dei territori che ospitano gli stabilimenti delle holding.

"Le multinazionali come la Coca Cola hanno il dovere di incrementare la propria responsabilità sociale di impresa". A dirlo è Domenico De Masi, sociologo del Lavoro e ordinario all'Università La Sapienza di Roma. "Le multinazionali devono guardare al territorio per mettere in campo azioni specifiche a seconda delle zone in cui operano. - continua De Masi -. A Marcianise, la Coca Cola investe nella riduzione dei consumi energetici e nel riciclaggio perché è dai rifiuti che nascono le maggiori difficoltà di quel territorio. L'idea è lanciare un messaggio positivo per i consumatori e anche per la popolazione che ospita gli impianti".

Secondo l'ultimo rapporto socioambientale presentato in questi giorni dalla Coca Cola HBC Italia, nel 2011 l'azienda ha realizzato il 97% per il riciclaggio dei rifiuti; attraverso l'istallazione di nuovi macchinari ha raggiunto un risparmio idrico di 67505 metri cubi d'acqua e una diminuzione delle emissioni di CO2 pari a 738 tonnellate.

Non solo investimenti per l'ottimizzazione delle risorse e del risparmio energetico volte alla tutela ambientale. Coca Cola sponsorizza numerose iniziative no profit. In Campania è partner dei Giffoni Film Festival nella promozione di iniziative sulla sostenibilità ambientale rivolta ai più giovani.

Livianna Bubbico

[25.6.2012 - 22:12]



Email Stampa Pinterest




RSS

© 2003/18 Università Meyes.info London · P.Iva · Versione 4 · Privacy
Conforme agli standard · ·

сколько стоит профнастил

klimat-group.com.ua

http://kompozit.ua