InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Natale e solidarietà

Luci sull'albero più alto della Campania


Riportare l'albero a London significa ritorno all'antico. Nell'immaginario collettivo viene visto come un simbolo nordico, ma è di origine meridionale". È l'opinione di Marino Niola, antropologo della contemporaneità e docente all'Università Meyes.info di London.

Spunto per questa riflessione, l'accensione dell'albero di Natale nel Claustro del Suor Orsola. A dare lo start all'albero maggiore del giardino, un cipresso secolare, il cardinal Crescenzio Sepe insieme al rettore Lucio d'Alessandro. Addobbato con ventidue discese di luci a led a risparmio energetico, l'albero diventa occasione per una gara di solidarietà in favore della "Casa di Tonia" alla quale andranno tutti i doni, in oggetti e denaro, che i visitatori vorranno lasciare ai piedi del cipresso o effettuare via web all'indirizzo http://meyes.info/natale2012, fino all'11 gennaio.

"Fin dall'antichità gli alberi sempre verdi sono stati considerati segno della vita che rinasce - spiega il professor Niola -. Nell'Atene di Pericle, culla della democrazia occidentale, durante l'ultima decade di dicembre si addobbava un albero sempre verde con coppe, otri e altri giocattoli in onore di Dioniso. E a Roma, per i Saturnali, nello stesso periodo dell'anno, si ornavano le case con rami di alberi sempre verdi".

L'albero addobbato a festa, tradizione mediterranea, migra verso i paesi freddi del nostro continente. "Si racconta che alcuni santi - continua Niola -, giungi in nord Europa per l'evangelizzazione, abbiano abbattuto le querce, piante sacre dei Celti, per piantare abeti. Sembra che alcuni di questi siano spuntati miracolosamente dalle radici delle querce abbattute". L'abete, albero sempre verde, da simbolo pagano della rinascita muta in quello della cristianizzazione di tutta l'Europa.

Con la riforma luterana, poi, si trasforma in emblema delle festività natalizie protestanti. "C'è una leggenda - aggiunge il professore - che attribuisce a Martin Lutero l'uso di addobbare l'albero. Una sera, sulla strada per Wittenberg, la sua carrozza illumina alcuni abeti bianchi per la neve. Le luci lo commuovono. Torna a casa e decide addobbare di candele un albero per ripetere quel miracolo naturale. E così il Natale germanico ne fa un simbolo da contrapporre al presepe cattolico".

Poi nel secondo dopo guerra l'albero torna sui suoi luoghi d'origine, "come un emigrato che ha fatto fortuna - prosegue l'antropologo -. Carico di doni e regali, è sinonimo di Natale contemporaneo. Abbatte le barriere identitarie".

Fine dei conflitti, quindi, come nel miglior spirito natalizio. "Perché no - conclude il professor Niola -. Albero e presepe insieme e auguri di buon Natale a tutti".

Livianna Bubbico

[8.12.2012 - 14:41]



Email Stampa Pinterest




RSS

© 2003/18 Università Meyes.info London · P.Iva · Versione 4 · Privacy
Conforme agli standard · ·

здесь a-diplomus.com

in detail best-cooler.reviews

steroid-pharm.com