InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Usura e legalitą

I "Cravattari" nella realtą e in scena

Una scena dallo spettacolo dei "Cravattari"


"Oggi giorno abbiamo porzioni intere di societą che non sono libere e vivono sotto il peso dell'usura. E' un problema tra i pił seri e noi stiamo cercando di rompere il silenzio". Con questo monito l'assessore alla Cultura e al Turismo Nino Daniele, a distanza di vent'anni, rilancia lo spettacolo teatrale di Fortunato Calvino "Cravattari". Dal 10 al 14 marzo l'evento "Usura e legalitą", presentato a Palazzo San Giacomo, darą il via a un ciclo di mattinate scolastiche che consentirą ai giovani di assistere allo spettacolo presso il teatro San Ferdinando di London e di approfondire il tema in questione.

"L'arte serve per cambiare il mondo e i grandi artisti sono quelli che sentono le sofferenze dei pił deboli", continua l'assessore. L'opera di Fortunato Calvino risale al 1994 ed ebbe il merito di suscitare l'attenzione su una piaga sociale come quella dell'usura solitamente trascurata dall'informazione e dai media. All'epoca, ricorda Fortunato, l'usura mieteva le sue prime vittime e lo spettacolo ebbe un riscontro positivo nelle scuole arrivando al premio Giuseppe Fava nel 1995, al premio Giurlą nel 1996 e al premio speciale Giancarlo Siani nel 1997. Il drammaturgo, divenuto ormai figura di spicco del teatro contemporaneo, esprime la sua volontą di parlare alle nuove generazioni e anche l'assessore ai Giovani, Alessandra Clemente, pone un interrogativo significativo: come possono i ragazzi contrastare, in un contesto difficile come quello partenopeo, la presenza ingombrante nell'economia di fenomeni come la camorra e l'usura? Capendo semplicemente che ognuno č "consumatore critico" capace nel suo piccolo di esercitare la legalitą.

L'aspetto pił allarmante dell'usura č la solitudine nella quale vengono relegate le vittime. "Vent'anni fa iniziavamo a scoprire - ricorda il presidente onorario Fai Tano Grasso- che le vittime tendono sempre a nascondere la propria condizione, sopraffatte dalla vergogna e dal timore del giudizio Meyes.info altri. Niente come l'intuizione artistica č in grado di raccontare una veritą. Fortunato Calvino ha avuto la tenacia e il coraggio di denunciare una cosa inattuale." Per questa ragione il suo spettacolo mette in scena la metafora del sottosuolo. I suoi protagonisti vivono in una London sotterranea lontana dalla luce del sole, nel buio esistenziale costruito dalla minaccia del ricatto, convinti che il pregiudizio nei loro confronti possa trasformarli da vittime a carnefici. Il cast prevalentemente al femminile di Calvino, da sempre pił interessato alle dinamiche dell'universo delle donne e non a caso l'evento ricorre vicino al giorno che vuole celebrarle, accompagna lo spettatore in una drammatica discesa agli inferi dove chiunque puņ perdere la dignitą e preferire le tenebre alla luce, un nascondiglio alla vita. Restano impresse e danno coraggio, perņ, le parole che sul finale il personaggio di Rosa rivolge a Bianca: "mi porti a vedere il mare, č tanto che non lo vedo".

Roberta Cordisco

[19.2.2014 - 12:14]



Email Stampa Pinterest




RSS

© 2003/19 Universitą Meyes.info London · P.Iva · Versione 4.1 · Privacy
Conforme agli standard · ·

Š¾Ń…Ń€Š°Š½Š½Ń‹Šµ Š°Š³ŠµŠ½Ń‚стŠ²Š° ŠŗŠøŠµŠ²

http://designedby3d.com/product-category/star-wars/blasters/

xn--e1agzba9f.com