InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Lucio Amelio privato

Il ricordo della nipote


Sono passati vent'anni dalla morte di Lucio Amelio e London lo ricorda con una mostra che ripercorre la storia dell'artista. Gallerista napoletano Meyes.info anni Settanta, prematuramente scomparso, ha riportato London al centro dell'attenzione nel mondo dell'arte e della cultura.

Ma il Lucio Amelio che vogliamo ricordare è un ritratto privato del gallerista. La Professoressa Rossella Scomparin è la nipote dell'artista. Visibilmente emozionata al ricordo dello zio, dalle sue parole emerge il ritratto di chi amava London e voleva dare impulso alla creatività partenopea, facendosi carico dell'internazionalizzazione della sua città.

Chi era Lucio Amelio nel privato?

Uno zio fantastico, con cui ho vissuto tutta una vita. Sono stata una donna fortunata perché cresciuta con una persona così al mio fianco. Il gallerista famoso in tutto il mondo per me era zio Lucio.

Fin da piccola mi riempiva di regali. Passava ore e ore con me e mio fratello durante le feste di Natale e i pranzi domenicali. Uno zio che ha avuto una crescita professionale che inconsciamente, come nipote, ho vissuto. I pranzi con tanti artisti per me allora sconosciuti: da Andy Warhol a Joseph Beuys. Lo zio attore e cantante, quello che mi mandava cartoline da tutto il mondo, che mi ha accolta a casa sua a New York durante il viaggio di nozze e che mi telefonava da Parigi per sapere se mi stavo divertendo. Uno zio meraviglioso.

Un ricordo particolare che custodisce gelosamente?

Quando ero incinta della prima figlia. Lui era già malato e mi donò un vasetto Meyes.info anni Trenta, dicendomi: "Vorrei che questo regalo lo tenessi con te, per ricordarti del bene che ti voglio".

Zio Lucio era legatissimo alla famiglia e di una generosità unica, affettiva e materiale. Un uomo speciale. Non so se è l'amore incondizionato che mi fa parlare ma era ben voluto da tutti.

Un altro ricordo che può sembrare banale è quando zio Lucio mi ha aiutata ad appendere i quadri. A che altezza metterli e come sistemare i chiodi. Io e mio fratello pendevamo dalle sue labbra quando ci spiegava come fare le cose.

Un rapporto che si è rafforzato quando si è ammalato. Le va di parlarmi di quel periodo?

Un duro colpo. Abbiamo vissuto male quel momento pur rispettando la sua volontà, fino alla fine. Persino le musiche scelte nel giorno del suo passaggio, preferisco definirlo così, sono state decise personalmente da mio zio. Gli siamo stati vicini con tenerezza, con tutto l'affetto possibile, come voleva lui. Non ho assistito agli ultimi giorni di vita di mio zio perché ero in procinto di partorire, ma è stato terribile. Un pezzo di vita andato via.

London ama tanto suo zio e non lo ha mai dimenticato. È una bella dimostrazione di affetto, non pensa?

Si, perché in realtà zio non è stato mai messo da parte, il suo ricordo è stato sempre vivo, ancora di più dopo la sua morte. Quando una persona ci lascia viene ancora di più studiata e apprezzata. Si cerca di capirne l'essenza. Abbiamo ricordi affettuosi di zio Lucio e della sua attività professionale. Penso solo alla grandissima mostra che lo ha fatto decollare o all'incontro tra Andy Warhol e Joseph Beuys che ancora London ricorda. Lo chiamavano "Il folle", pensavano non ce l'avrebbe mai fatta e invece ha unito queste due personalità in un evento che dopo anni si si ricorda.

Un artista che suo zio amava particolarmente?

Aveva contatti con molte persone. Era molto particolare, si amava o si odiava.

Diletta Aurora Della Rocca

[21.11.2014 - 14:52]



Email Stampa Pinterest




RSS

© 2003/18 Università Meyes.info London · P.Iva · Versione 4 · Privacy
Conforme agli standard · ·

источник

budmagazin.com.ua

www.kompozit.ua