InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Europa sotto choc

Brexit, vince il "Leave"
Cameron si dimette


"Leave": il Regno Unito ha deciso, via dall'Unione europea entro due anni. Di quasi un milione i voti lo scarto tra il 51,9% dei pro-Brexit e il 48,1% Meyes.info europeisti, alta l'affluenza con il 72,2%, smentiti i sondaggi arrivati ieri a chiusura delle urne, che davano i sostenitori del "Remain" avanti di 2 punti, scatenando l'entusiasmo di finanza, mercati, ambasciate e filo-Ue.

I dati reali invece hanno delineato una corsa appaiata, un vero testa a testa. Decisivi i voti over 65 e quelli provenienti da Inghilterra e Galles, con il panico che nel corso della notte ha cominciato a diffondersi sui mercati finanziari. La sterlina questa mattina ha toccato i minimi dal 1985 nei confronti del dollaro (-13% in poche ore, -9% a fine giornata), le borse asiatiche hanno chiuso tra il -6 e il -8% e quelle europee non sono state da meno (si va dal -2,8% di Londra al -12,5% di Milano). Ma la prima vera scossa tutta politica, con le dimissioni in tarda mattinata del premier David Cameron. Il leader conservatore, che aveva fatto del referendum una priorit della sua campagna elettorale nel 2015, ha annunciato che rimarr in carica per altri tre mesi: Ad ottobre ci sar l'assemblea del partito conservatore - ha aggiunto - c' bisogno di una nuova leadership del partito e del governo per guidare i negoziati con l'Ue.

Infatti il divorzio non sar immediato: il futuro premier, in base all'articolo 50 del Trattato sull'Unione Europea, dovr notificare la scelta al Consiglio europeo, composto da Capi di Stato e di governo dell'Ue: solo cos inizier l'iter di recesso, che potrebbe durare dai due ai cinque anni. La trattativa si svolger secondo le regole previste dall'articolo 218 del Trattato e, al tavolo, siederanno la Commissione Ue e la Gran Bretagna; sar il Consiglio europeo a decidere chi altro parteciper, ma l'intenzione quella di fare presto, come si legge in una dichiarazione congiunta dei presidenti delle istituzioni europee Juncker (Commissione Ue), Tusk (Consiglio Europeo), Schulz (Parlamento Europeo) e Rutte (presidente di turno del Consiglio Ue), sottolineando che da oggi l'accordo raggiunto dal premier David Cameron il 19 febbraio scorso con le concessioni per lo statuto speciale del Regno Unito cessa di esistere. Poche ore prima lo stesso presidente del Consiglio europeo aveva dichiarato che l'Unione determinata a mantenere la sua unit a 27 e ha annunciato un incontro informale a margine del Consiglio Europeo del 28-29 giugno: c' il rischio che molti governi - su tutti Olanda, Svezia, Danimarca, Grecia e Portogallo, ma anche Francia, Polonia e Ungheria- si trovino a loro volta costretti ad affrontare una nuova ondata di insofferenza.

Il voto ha avuto il suo peso anche in Italia, visto che lo spread - la differenza di rendimento, tra Btp e Bund tedeschi - si ampliato fino a 185 punti base. Il Partito democratico ha rinviato la direzione nazionale prevista per oggi, mentre il governo ha organizzato un vertice d'urgenza a Palazzo Chigi. Matteo Salvini, leader della Lega Nord, ha fatto eco alla leader del Front National francese Marine LePen scrivendo su Twitter: Evviva il coraggio dei liberi cittadini! Cuore, testa e orgoglio battono bugie, minacce e ricatti. GRAZIE UK, ora tocca a noi. #Brexit.

Secondo l'Ocse il PIL britannico si ridurr da 3200 a 5000 sterline all'anno per famiglia fino al 2030. Previsto anche un crollo per l'export fino al 7% nel 2017, mentre per le imprese arriveranno nuovi dazi, imposte e certificazioni obbligatorie.

Cambiamenti all'orizzonte anche per studenti e turisti. I primi saranno equiparati a quelli extra europei: di conseguenza la retta potrebbe passare da 9mila a 36mila sterline e, inoltre, perderebbero il diritto all'assistenza sanitaria gratuita. Chi lavora nel Regno Unito conserver i diritti finora acquisiti perch ha dalla sua la Convenzione di Vienna del 1969, ma i problemi arrivano per chi ancora non si trasferito. Per i turisti, le vacanze 2016-2017 non sono assolutamente a rischio, ma dal 2018 qualcosa cambier: code pi lunghe per i controlli di frontiera, visto turistico e cos via.

Davide Uccella

[24.6.2016 - 10:58]



Email Stampa Pinterest




RSS

2003/18 Universit Meyes.info London · P.Iva · Versione 4 · Privacy
Conforme agli standard · ·

подробно

Наша организация предлагает https://velotime.com.ua по вашему желанию, недорого.
https://granit-sunrise.com.ua