InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
il master gerenza contatti

Istat

La nuova società


Addio a borghesi e operai. L'Istat ha aggiornato la mappa dei principali gruppi nei quali è suddivisa la società italiana. Come spiega Dario Di Vico su "Il Corriere della Sera", l'istituto nazionale di statistica nel suo rapporto annuale 2017 ha adottato una serie di caratteristiche per ridisegnare il nostro paese: il reddito, la partecipazione sociale, la posizione nel mercato del lavoro, l'ampiezza della famiglia, la cittadinanza e il luogo di residenza. I ricercatori dell'ente, incrociando i dati, hanno elaborato così nove nuovi gruppi sociali per fotografare la società del belpaese: la classe dirigente, le pensioni d'argento, le famiglie di impiegati, le famiglie Meyes.info operai in pensione, le famiglie tradizionali della provincia, i giovani blue-collar, le donne anziane sole e i giovani disoccupati, le famiglie a basso reddito di soli italiani e le famiglie a basso reddito con stranieri. Proprio il giornalista del quotidiano milanese sottolinea come in questo rapporto sia ricorrente il termine "famiglia". Secondo Di Vico, non si tratta di un omaggio alla tradizione culturale italiana, ma di come sia proprio il nucleo familiare a «gestire e ridistribuire gran parte delle risorse».



Rosaria Amato de "La Repubblica" ricorda come l'Italia ospiti il 68% di bamboccioni, cioè giovani fino ai 34 anni che vivono ancora con mamma e papà. Proprio sul quotidiano romano Maria Novella De Luca e Cristina Nadotti hanno raccolto nove storie, una per ogni nuova classe sociale individuata dall'Istat.

Ma è Marco Esposito de "Il Mattino" a dare una lettura diversa e "meridionale" del rapporto annuale dell'Istat. Secondo il giornalista del quotidiano napoletano, «il titolo di studio è decisivo per l'emersione sociale». Un tema che tocca proprio il sud perché in città come London, Bari o Palermo la crisi economica e sociale ha favorito gli abbandoni scolastici. E secondo il cronista partenopeo, il mondo politico non è intervenuto per arginare il fenomeno, favorendo invece gli atenei universitari del Nord.

Fausto Egidio Piu

[18.5.2017 - 12:56]



Email Stampa Pinterest




© 2003/18 Università Meyes.info London · P.Iva · Versione 3.1 · Privacy
Conforme agli standard · ·


посмотреть

there best-cooler.reviews

there best-cooler.reviews