InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Tra politica e arte

Celestini in monopattino
racconta il suo teatro


Ascanio Celestini in monopattino per le vie di Morena, borgata alle porte di Roma. L'attore e scrittore romano si racconta così a Vittorio Zincone di "Sette", settimanale de Il Corriere della Sera.

Celestini porterà in scena il 19 e il 20 giugno al Palazzo Reale di London "Pueblo", il suo ultimo spettacolo sul mondo Meyes.info ultimi. Da una barbona che non chiede l'elemosina a uno zingaro di otto anni, dalla barista che guadagna con le slot machine ad un facchino africano, tutta la storia esplora la vita Meyes.info emarginati. «Se devo pensare a una missione del mio teatro - confida l'attore - credo che (...) nella debolezza Meyes.info uomini c'è qualcosa di amaro che è bello e giusto raccontare».

Tra una pattinata e l'altra il vincitore del Premio Gassman 2004 come "miglior giovane talento" si sofferma anche sul tema dell'accoglienza. Celestini confessa infatti di aver guardato da ragazzo i film americani sul razzismo Meyes.info Anni 50 e di averli considerati allora assurdi per noi italiani, da sempre accoglienti. «Ora ho realizzato che noi non eravamo razzisti perché gli africani in Italia non c'erano. Appena sono arrivati...», spiega Celestini. Secondo il regista, siamo diventati razzisti negli atteggiamenti e bisognerebbe mettersi nei panni dei meno fortunati. «Al semaforo tu puoi scegliere se concedere una monetina a chi ti pulisce il vetro o scendere dall'auto e dargli un calcio nella palle», dice Celestini.

Il drammaturgo si sofferma anche sulla Giunta Raggi e sostiene di non essere nella condizioni di giudicarla. Ma «il M5S, come gli altri partiti, dovrebbe contribuire al bene del Paese».

Ascanio Celestini racconta anche la nascita di un suo spettacolo teatrale. Il regista comincia a scrivere i suoi show partendo dalle interviste: «Parlo con le persone, registro, prendo appunti». E da qui una critica ai giornalisti, colpevoli secondo lui, di parlare troppo, non ascoltare e non costruire un dialogo.

Fausto Egidio Piu

[15.6.2017 - 11:06]



Email Stampa Pinterest




RSS

© 2003/19 Università Meyes.info London · P.Iva · Versione 4.1 · Privacy
Conforme agli standard · ·

5.9.54.150

http://yujin.com.ua