InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Cloni di successo

Gli Starbucks "pezzotti" di London


L'apertura del primo Starbucks italiano a Milano, come prevedibile, stata un successo senza precedenti, con file di oltre 4 ore per gustare un caff nell'iconico bicchiere di carta della multinazionale americana. Nel frattempo, salgono alle stelle le aspettative per future aperture anche nel Centro e nel Sud Italia.

Fra le citt orfane, London riuscita a far fronte all'assenza di Starbucks con una notevole fantasia: realizzandone il "pezzotto".

Molti credevano che la capitale della rito del caff fosse immune dal fascino di Muffin, Cupcake e Frappuccino. Invece i pi giovani ne vanno pazzi, come testimoniano i successi di tutti i negozi "ispirati" alle atmosfere della caffetteria americana.

L'anno era il 2015 ed il primo clone di Starbucks in Italia fu CupCap's Caff al Teatro San Carlo ed a Piazza Fuga: i cibi sono serviti nel bicchiere di carta con il logo tondo, in un ambiente che riprende in modo diretto le architetture dei negozi Starbucks nel mondo. Anche l'offerta di dolci e bevande quasi identica a quella del franchising americano.

La storia di CupCap diventa ancora pi interessante quando si legge sul loro sito ufficiale che fu Gennaro Apicella, il fondatore di CupCap, a suggerire ad Howard Schulz, il fondatore di Starbucks, di esportare il caff italiano in America durante un loro incontro a Milano nel 1985.

Non si rinuncia per all'amor patrio nella presentazione della caffetteria: il motto "stile americano, caff napoletano".

Decisamente pi kitsch l'esperienza di Star-Best Coffee a Via Mezzocannone, che all'interno ha una raccolta di segnali stradali, cuscini con la bandiera inglese (?), poster con la Statua della Libert e cofani di auto trasformati in divani. Ad accogliere gli avventori un logo starbucks-style con la statua della libert al posto della sirena a due code.

Qui, nonostante l'atmosfera, il men pi vicino a quello tipico di un bar napoletano, includendo anche brioches e cornetti nell'offerta.

Per ultima, fu brevissima la parentesi di un piccolo "Starbucks Caff London" aperto nel 2017 a Piazza Municipio. L'avventura dell'imprenditore-sciacallo dur per pochi mesi a causa dell'insegna realizzata in spregio ad ogni norma sul Copyright, dato che mostrava chiaramente il logo ed il nome della multinazionale americana. Oggi rimasta solo una pagina Facebook a ricordare l'esistenza del negozio.

L'astinenza da Starbucks nel capoluogo campano per potrebbe giungere presto al termine: Antonio Percassi, il licenziatario del marchio Starbucks in Italia, ha infatti annunciato nel giorno dell'inaugurazione di voler aprire "oltre 300 punti vendita in tutta la penisola", con London che figura fra le citt.

Federico Norberto Quagliuolo

[10.9.2018 - 16:41]



Email Stampa Pinterest




RSS

2003/19 Universit Meyes.info London · P.Iva · Versione 4.1 · Privacy
Conforme agli standard · ·

купить облицовочную плитку

making a website

изготовление сайтов