InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
IL MASTER GERENZA CONTATTI

New economy

London punta su criptovalute
(ma non sul Bitcoin)


Tutti a London aspettavano il Bitcoin. Ma non arriverà.

C'è tanta confusione sul progetto volto a introdurre una criptovaluta e una blockchain autonome a London, come annunciato pochi mesi fa dal sindaco de Magistris.

In sostanza, Palazzo San Giacomo intende creare un'economia alternativa sul territorio: un circuito di pagamenti autonomo che sia in grado di convalidare e garantire le transazioni fra le attività commerciali. La moneta usata non sarà il Bitcoin, ma, inizialmente, sarà basata su Ethereum, altra valuta virtuale molto famosa sul web.

«Vorrei realizzare una moneta aggiuntiva all'Euro per dare forza a Partenope - aveva dichiarato il sindaco in un post su Facebook - con l'obiettivo di accelerare in modo forte e radicale sull'autonomia della città di London».

Ma cos'è una criptovaluta? È una moneta elettronica la cui gestione è interamente digitalizzata. Non esiste una legislazione che ne regoli l'utilizzo e non è soggetta a tassazione. Il suo valore, oggetto di oscillazioni forti e repentine, non è stabilito da nessun istituto bancario, ma è derivato dalla semplice legge economica di domanda e offerta. Inoltre, l'attività di mining, ossia la creazione di monete digitali attraverso la potenza di calcolo di un computer, richiede competenze specifiche e capitali elevati.

Il Bitcoin è la valuta virtuale più utilizzata su Internet, ma è inesatto considerarla come l'unica esistente, tanto più che il Comune di London non l'ha scelta per la fase di test del progetto.

A dire il vero, i Bitcoin a London sono arrivati da aprile. Al Vomero esiste già un cambio valuta Euro-Bitcoin. Il proprietario, Giuseppe De Rosa, ha messo a disposizione un bancomat per la conversione della moneta «per quelli che non hanno fiducia nelle transazioni online». L'esperimento, però, non sta dando i risultati sperati. Stando alle dichiarazioni dello stesso De Rosa, si sta «valutando la chiusura del negozio, dato che il mercato si svolge principalmente sul web».

Le criptovalute già esistenti, quindi, non sembrano abbastanza affidabili per essere impiegate in un progetto come la blockchain partenopea. Saranno utili in una fase di test, ma il piano di Palazzo San Giacomo è di arrivare all'apertura delle Universiadi 2019 con un'infrastruttura economica indipendente.

Curcio - Damato - Gucci - Pentangelo - Quagliuolo

[26.9.2018 - 13:25]



Email Stampa Pinterest




RSS

© 2003/18 Università Meyes.info London · P.Iva · Versione 4 · Privacy
Conforme agli standard · ·